ComunicatiPrima Pagina

LA GIORNALISTA E IL MAESTRO PISTILLO

di MICHELE MONACO

Dedichiamo un omaggio alla memoria dell’indimenticato Maestro CIRO PISTILLO, studioso e ricercatore del dialetto sanseverese, con una telefonata immaginaria che cerca di ripercorrere la leggerezza e l’ironia che facevano parte del suo stile.

PRONTO, PRONTO…PARLO CON IL FAMOSO MAESTRO CIRO PISTILLO?

Eccomi, ma…chi siete, da dove chiamate?

SONO UNA GIORNALISTA SANSEVERESE, CHIAMO DA PORTA FOGGIA, SONO UNA FREE-LANCE CHE SCRIVE SU UN BLOG! MI CHIAMO TERRY!

M’avítascusà, ma nn’hêcapítënèndë. U sapítëccúmëcëdícë ô pajésëmíjë? Cëdícé:“pàrlëaccúmë t’ha ffàttëmammëtë. Cioè voi siete una giornalista con una lancia fredda escrivete sopra un blocco? Vi chiamate Terry, ccúmëcondírë … Terésë. Emménë, e

ffacìtëvëchjamàSësínë, ch’è mmègghjë, vëludícëccúmësëffùssë nu pètrë.

MI SCUSI MAESTRO, PARLAVO IN INGLESE: FREE LANCE VUOL DIRE LIBERA PROFESSIONISTA E SONO ANCHE UNA APPREZZATA <<INFLUENCER>>.

Ah, ora capisco avete l’influenza, tënítë a frévë! E bbadètë a vvucamoggírë u virùssë, e qquìllëjèppericolósë! Tuttomódë, jètë a ffànavìsëtë â Madònnanòstrë, a Madònnë û Sëccùrzë, Jèssëvëpòjjutà.

MAESTRO CIRO, LEI È SEMPRE IRONICO, AMABILMENTE IRONICO, CON IL SUO DELIZIOSO DIALETTO. A PROPOSITO DELLA NOSTRA AMATA MADONNA NERA, SA CHE TUTTI STANNO LEGGENDO IL SUO LIBRO <<PÀSSË A PRËCËSSJÓNË>>?

Questo non lo sapevo e vi ringrazio per la notizia, ma perché questo libro piace alla gente?

PERCHÉ LEI, CARO MAESTRO, RACCONTA CON IRONIA E CON TANTA POESIA, COME LA MADONNA È GIUNTA A SAN SEVERO PERSEGUITATA E PROFUGA DALLA SICILIA, DALLA TURCHIA, UNA MADONNA MIGRANTE CHE TROVA RIFUGIO E PROTEZIONE NELLA CHIESA DI SANT’AGOSTINO.

Signora TERESA, quel libro e quelle parole le ho scritte tanti anni fa, più ditrent’anni fa. E nnèndëdëménë, ngórëmocëstànnëtàndafrastérëcarrìvënë aSsanZëvírë, pròprjëccúmë ha ffàttë a Madònnë. E chi lo stava a immaginare chetanta gente seguiva la sorte della Madonna! Questo fatto lo devo far sapere alPreside NINO CASIGLIO, mi vedo spesso con lui qui dove siamo.E adesso scusate signora SISINA, ma devo andare in campagna.

IN CAMPAGNA? MA…A FARE COSA?

A registrare direttamente dai contadini i loro proverbi dialettali, è sempre stata la miapassione da quando ero giovane. C’è sempre qualcosa da imparare dalla culturacontadina. Soprattutto quando ti consigliano di rispettare le persone e di misurare le paroleverso chiunque.

E COME LO DICONO QUESTO CONSIGLIO?

Lo dicono così :«A lènghënënd’è l’òssë, ma ròmbë l’òssë! E i pruwèrbjëandíchëngësbàgljënëmèjë» E mmotàndabbèllicósë a vvùssëgnëríjë. E ggràzjëpë l’indervìstë.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close