ComunicatiPrima Pagina

TRAGICO DOPOGUERRA SANSEVERESE: pillola di cultura locale

Di Michele Monaco

75 anni fa a Palazzo Celestini, dopo un anno di transizione guidata dall’autorevole lavoro del Commissario Prefettizio dott. ARDUINO FRACCACRETA( subentrato al dimissionario Podestà dr. MARIO SAVINO), si insediava una Giunta Comunale composta dal Sindaco GIUSEPPE FIORE (Partito Del Lavoro), dal vice Sindaco ERNESTO MANDES (P.S.I.) e dagli Assessori MARIO FANELLI (Partito d’Azione), ANTONIO FESTA (P.C.I.), FELICE D’AMELIO (D.C.) ed EMILIO MAZZILLI (P.L.I.). Questa prima Giunta Comunale cesserà il suo mandato nel dicembre del 1945.  Il tutto avvenne in accordo con il Comando Militare Anglo-Americano( i  cui ufficiali e soldati si erano insediati  in città e in tutto il circondario sin dal settembre del 1943) e il  locale Comitato di Liberazione Nazionale rappresentato da: LUIGI ALLEGATO, CARMINE CANNELONGA, RAFFAELE SURIANI per il P.C.I.- GIOVANNI BUCCELLA per la D.C.- ERNESTO LUFINO e MARIO COLIO per il  P.S.I.- GIUSEPPE TOMA, ANTONIO MAGHERNINO per il Partito d’ Azione- GIUSEPPE FIORE(Democrazia del Lavoro). la situazione economica è tragica, la guerra ha prostrato la città. San Severo conta 23.000 abitanti. Il prof.TOMMASO FIORE grande umanista e meridionalista (nato ad Altamura nel 1884) nel suo libro “Un popolo di formiche” riferendosi al dopoguerra di San Severo accennerà al …<<tragico problema della casa,della miseria, delle baracche che trova riscontro negliorrori dello Zimotermico già deposito di rifiuti di ogni sorta e poi rifugio di esseri umani e così al quartiere Hoffmann e così a San Berardino …>>La popolazione stremata dalla miseria, dalle malattie, dalla fame, ricorre a mille espedienti per sopravvivere. La disperazione porta ad occupazioni di terre e a compiere numerosi furti nelle campagne. La situazione,però, sarà presa sotto controllo dai Partiti e dai Sindacati e il Prefetto ne prenderà atto consentendo l’inizio di lavori di pubblica utilità.San Severo comincerà faticosamente ma progressivamente a darsi una nuova classe dirigente che si farà carico delle terribili conseguenze del dopoguerra e getterà le basi per consolidare le strutture istituzionali di governo della nostra città.

 

Articoli simili

Back to top button
Close