AppuntamentiEventiPrima Pagina

STAGIONE TEATRALE. IL 2 FEBBRAIO AL TEATRO VERDI DI SAN SEVERO “E’ FATTO GIORNO” CON CARMELA VINCENTI E NICHI VENDOLA.

LO SPETTACOLO E’ RISERVATO AGLI STUDENTI. IL 1 FEBBRAIO INCONTRO CON LA STAMPA.

Appuntamento questa settimana con la stagione teatrale 2023 – 2024 organizzata dal Comune di San Severo – Assessorato alla Cultura in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.

VENERDÌ 2 FEBBRAIO 2024 al Teatro Comunale Giuseppe Verdi (porta ore 10,00, sipario ore 10,30) PER GLI STUDENTI va in scena È FATTO GIORNO Un secolo di Scotellaro con Carmela Vincenti e Nichi Vendola e con Antonio Dambrosio trio – Antonio Dambrosio (percussioni / arrangiamenti), Aldo Davide di Caterino (flauto), Vince Abbracciante (fisarmonica). Il giorno precedente, GIOVEDÌ 1 FEBBRAIO, alle ore 18,00, presso la Sala Raffaele Recca di Palazzo Celestini – Residenza Municipale – Nichi Vendola, unitamente al Sindaco Francesco Miglio e all’Assessore alla Cultura Celeste Iacovino, incontrerà giornalisti e appassionati del teatro.

I COLLEGHI SONO INVITATI ALL’INCONTRO.

L’Amministrazione Comunale – dichiarano il Sindaco Miglio e l’Assessore alla Cultura Iacovino – a cento anni dalla nascita e a settanta dalla morte di Rocco Scotellaro, intende rievocare le parole, i versi e le storie che hanno scandito la vita breve, ma intensissima di questo sindaco-poeta e cantore della sua Lucania miserabile e struggente, intellettuale capace di raccontare un Sud tutt’altro che immobile ed estraneo al movimento della storia. Per tali forti motivazioni lo spettacolo è stato riservato agli studenti delle classi quarte e quinte delle scuole secondarie di II Grado appositamente invitate dall’Assessorato alla Cultura”.

E’ FATTO GIORNO

Rocco Scotellaro, il sindaco-poeta di Tricarico, il cantore della sua Lucania miserabile e struggente, l’intellettuale capace di raccontare un Sud tutt’altro che immobile ed estraneo al movimento della storia. Lo spettacolo è un doppio reading, una voce femminile (quella di Carmela Vincenti) che racconta la vita di Rocco con le parole di sua madre Franca Armento e una voce maschile (quella di Nichi Vendola) che interseca la narrazione materna con le poesie più significative di Scotellaro. Sul palco il musicista Antonio D’Ambrosio e il suo Trio che incrocerà, con il racconto jazz, le parole del reading: lo stile musicale è molto evocativo del cosmopolitismo del poeta lucano. Sullo schermo scorreranno immagini, fotografie o foto di quadri, che esibiscono la Lucania del primo dopoguerra, le sue suggestioni, la sua povertà, le sue lotte.

Articoli simili

Pulsante per tornare all'inizio