ComunicatiPrima Pagina

Il pancarré della pace, con i colori della bandiera Ucraina, di Fabio Boncristiano.

Fa il fornaio, Fabio Boncristiano e lo fa con antico orgoglio inteso proprio come mestiere. Cinque anni fa ha aperto “Pastamadre”, a San Severo, con una clientela di alto profilo, attenta all’alimentazione e allo stile di vita. Da quanto l’Ucraina è sotto attacco, ha realizzato un pan bauletto, o pancarré, con i colori della bandiera Ucraina, partendo dalla farina. “Chi sceglie questo mestiere non lo fa solo per denaro ma per devozione verso il pane. Profumi di grano che si mescolano ai pensieri che affliggono le nostre vite e ci fanno dimenticare i sacrifici per produrlo, soprattutto come nel mio caso che lavoro venti farine diverse – ha esordito Boncristiano, che continua -. Come forno, abbiamo creato questo pan bauletto come messaggio di pace e, in pochi giorni, ci sono state diverse richieste perché, c’è stato riferito da clienti e titolari di attività che l’hanno acquistato, ogni fetta dà valore al pane e a ciò che il pane stesso rappresenta”. Per i colori della bandiera Ucraina, tutti prodotti naturali: “Per il giallo ho usato la curcuma; per l’azzurro, ho usato la mela verde e l’alga spirulina in un mix bilanciato. Questo pan bauletto si può mangiare alla stessa stregua di un pancarrè (tostato, o fresco) con salumi, formaggi, maionese, salse; usato per tramezzini e come si preferisce”. Il pan bauletto con i colori della bandiera Ucraina è in bella mostra in vetrina e il messaggio è molto chiaro: “Abbiamo realizzato una vetrina che simboleggia la pace ma che non vuol prendere posizioni politiche, anche perché il pane è un cibo universale che unisce – ha concluso Fabio Boncristiano -. Ci sono tante persone che stanno soffrendo e tutto ciò non deve continuare. Non si può soffrire per colpa di una guerra”. Il pane non si nega a nessuno e identifica il benessere, la felicità, oltre che la pace. Nei miti dei greci e dei latini sarebbero stati gli dei a insegnare agli uomini come produrlo. Nel suo significato concreto e simbolico, il pane è un dono dall’alto, da chiedere con umiltà e da aspettare con fiducia.

Fonte lagazzettadisansevero.it

Articoli simili

Pulsante per tornare all'inizio